Sono Quaranta Anni Che Faccio Questo Mestiere Che Cosa Ne Vuole Sapere Lei

Sono quarant’anni che faccio questo mestiere e mio padre prima di me. Che cosa ne vuole sapere lei.

Sono quarant’anni che faccio questo mestiere e mio padre prima di me. Che cosa ne vuole sapere lei“.

Eccola lì, la tipica frase che ha l’obiettivo di smontarti e creare una barriera invalicabile tra te (consulente marketing) e lui (l’Imprenditore che ha la conoscenza in mano).

Eppure è lui ad averti chiamato: “sono calate vendite e Clienti. Cremonesi mi può dare una mano?”

“Molto volentieri, certo che le voglio dare una mano. È il mio mestiere.” Eppure vi assicuro, che è più difficile di quanto si possa pensare.

Il Caso “XXXX”. Per rispetto al Cliente ovviamente non cito l’Azienda, ma quanto vi riporto è realmente avvenuto circa un anno fa.

Siamo stati contattati da un’Azienda, che voleva rinnovare la propria politica commerciale ed il marketing, affidandoli entrambi alla nostra Agenzia.

Parlando con il titolare: “Vorremmo crescere, ma sopratutto vorrei fare in modo che la mia figura non sia più preponderante in Azienda. Mio figlio deve prendere il mio posto. Deve capire come gestire l’Azienda”.

Bene, dopo un mese di lavoro era chiaro che il “collo di bottiglia” fosse il figlio. Approvava i Progetti di Comunicazione ed il riepilogo dei Report delle riunioni senza preoccuparsi di leggerli. Dopo due mesi, come era ovvio, non c’era coerenza tra quanto elaborato dall’Agenzia e le aspettative del Cliente. Chiesi quindi un appuntamento con il titolare, il quale mi ripose che sarebbe intervenuto prontamente.

Beh, si sono succeduti altri fatti simili.

In seguito abbiamo fatto un incontro per il fatturato generato con la comunicazione, le DEM e le campagne PPC. Nonostante tutto eravamo oltre le aspettative del Cliente: “Fantastico Cremonesi, allora non siamo messi come mi era stato descritto in Azienda. Andiamo avanti alla grande.

Bene, dopo due settimane abbiamo chiuso il contratto. L’alternativa era rendersi conto che, forse, il figlioccio non era così smart, come credeva.

Bene. Questo esempio per dare un piccolo-grande consiglio: se volete affidare le attività di Comunicazione ad un’Agenzia, dovete essere disposti e disponibili al cambiamento. Anche se “sono quarant’anni che fate quel mestiere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cerca